Tutto sui tuoi giochi, film e TV preferiti.

Cento proiettili, reinvenzione di Shmup

0

Hundred Bullets è stato in molti modi il lavoro della mia vita. L’ho creato nel 2009 con la domanda di matematica: se avessi sparato un proiettile in un anello circolare, alla fine ti sarebbe tornato. Ho realizzato un prototipo di un semplice anello circolare in cui potevi sparare proiettili e rimbalzavano correttamente sui muri e ho visto che, sì, i proiettili alla fine sono tornati verso di te in quell’impostazione. Nella mia vita reale mi sentivo anche come bloccato in un anello, una bolla se vuoi, la maggior parte delle cose che stavo facendo si rifletteva su di me mentre stavo lavorando per ritrovarmi come artista in un ambiente che era molto competitivo e poco fertile per il tipo di creatività che ho capito che mi piace fare.

Ma questo è il mondo creativo, è un’arena in cui la maggior parte delle nostre migliori idee si trasforma in qualcosa di deformato contro cui dobbiamo combattere, giusto? Vorrei che il mondo della creatività fosse semplice e diretto, ma sembra che debba essere in qualche modo tortuoso, proprio come i livelli di Hundred Bullets. C’è sempre una svolta, c’è sempre qualcosa che rovina il piano perfetto. Sarebbero passati molti anni da quando mi sono reso conto che nel mio prototipo si potevano giocare i livelli. Cioè, dal momento che tu, il giocatore, controlli lo schema dei proiettili, puoi scegliere deliberatamente uno schema che renda il gioco più facile da vincere. Ad esempio, in un anello circolare, puoi muoverti in cerchio e superare in astuzia i muri invece di muoverti a caso e farti prendere dalla tua stessa scia.

Cento proiettili, reinvenzione di Shmup

Una volta che Hundred Bullets è diventato il recupero dello schema dei proiettili e la consapevolezza dell’impatto delle proprie scelte sul futuro, il tema del gioco era chiaro ed è diventato abbastanza facile progettare il resto dei livelli del gioco. Stavo inventando diversi tipi di muri e forme diverse e così via che dovevi essere consapevole delle tue azioni per sconfiggere. Ad esempio, con i muri degli imbroglioni, ti prenderanno di mira ovunque tu vada, quindi l’unico modo per batterli è evitare di colpirli. Ciò significa che il giocatore deve muoversi secondo uno schema specifico per evitare i muri problematici.

Alla fine ci siamo resi conto che il gioco era un po’ troppo astratto, quindi abbiamo deciso di aggiungere un po’ di sapore Zen al gioco. Abbiamo aggiunto simboli spirituali a ogni livello in base alle forme e ai sentimenti evocati da ogni livello. Alcuni dei simboli provengono dal buddismo, alcuni provengono da religioni africane, altri sono celtici e così via. Abbiamo riformulato il gioco come una ricerca di illuminazione spirituale che era molto più chiara della semplice geometria astratta che nessuno sembrava capire. Abbiamo anche aggiunto kōan prima di alcuni livelli per chiarire che si trattava di un viaggio spirituale per il giocatore.

Cento proiettili, reinvenzione di Shmup

Un kōan è una storia, un dialogo, una domanda o un’affermazione che viene utilizzata nella pratica Zen per provocare il "grande dubbio" e per praticare o testare i progressi di uno studente nello Zen. E questo ha davvero risuonato con me come una ricerca per comprendere e accettare il te stesso. Ecco di cosa tratta Hundred Bullets: riesci a padroneggiare il tuo schema di proiettili? Riesci a conoscere te stesso? Sembra un po’ banale per un gioco che è una semplice gobba significare così tanto per me, ma ci ho lavorato su per una grossa fetta della mia vita ed è abbastanza importante per il mio senso di sé e per le idee su chi sono e come le mie azioni influenzano il mondo intorno a me.

Spero ti piaccia il mio gioco. Abbiamo cercato di farlo in modo che potesse essere facile e semplice da capire ma piuttosto difficile da padroneggiare. Abbiamo anche aggiunto alcuni livelli segreti per i giocatori ultra maestri là fuori se puoi seguire gli indizi che sono lì per essere scoperti. Buona fortuna buon divertimento!

Fonte di registrazione: news.xbox.com

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More