...
Tutto sui tuoi giochi, film e TV preferiti.

Il 44% degli sviluppatori afferma che la pandemia ha causato il ritardo dei loro giochi

6

Il 2020 è stato un anno molto particolare. Il mondo è stato sconvolto da una grave pandemia che stiamo attraversando ancora oggi. Mentre stiamo iniziando a vedere quella luce alla fine del tunnel, è difficile non ripensare a quanto siano stati brutti i mercati l’anno scorso. Davvero, l’apice della pandemia è stato qualcosa che rimarrà nei libri di storia. Ci sono stati ordini di quarantena, distanza sociale, maschere e lavori d’ufficio sono stati rapidamente chiusi a favore del lavoro a casa. 

Diversi studi di sviluppo hanno chiuso i battenti e hanno fatto lavorare i propri dipendenti al progetto del videogioco comodamente da casa. Mentre alcuni lo trovano non ideale, altri hanno preso la libertà di lavorare da casa e portare a termine i progetti in uno spazio virtuale. La maggior parte probabilmente ha già portato la propria forza lavoro nel solco del lavoro da casa, ma questo periodo di transizione dal lavoro in ufficio a casa ha richiesto un po’ di tempo. Sono stati persi mesi quando i dipendenti hanno ottenuto l’attrezzatura necessaria e hanno iniziato a lavorare dalle loro case, il che significa che i giochi sono stati respinti.

Oggi scopriamo che un sondaggio condotto da GDC conferma che il 44% degli sviluppatori ha affermato che i propri progetti di gioco sono stati ritardati a causa della pandemia. Al di fuori del periodo di transizione, ci sono mesi persi a causa dell’impossibilità di lavorare insieme in un’area più collaborativa, o la necessità di viaggiare per completare un progetto è stata ritardata fino a quando la pandemia non si attenua abbastanza. Ciò non significa che questi giochi siano completamente cancellati.

Probabilmente vedremo più giochi respinti poiché gli sviluppatori richiedono più tempo per lavorarci. Questo potrebbe essere un periodo un po’ difficile da affrontare se si dispone di una nuova piattaforma console, poiché stiamo ancora aspettando altre esclusive o giochi di nuova generazione per sfruttare l’hardware più recente, ma per ora sembra che c’è una buona quantità di sviluppatori che stanno ancora lavorando su progetti che potrebbero aver già trovato la loro strada nel mercato se non fosse stato per l’epidemia di pandemia di coronavirus.

Fonte: GDC

Fonte di registrazione: gameranx.com

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More