...
Tutto sui tuoi giochi, film e TV preferiti.

La divisione delle entrate che porta di nuovo ad azioni legali Steam?

7

Quando si tratta di mercati digitali per l’acquisto di giochi, da anni ormai il mercato Steam di Valve è stato la fonte principale di riferimento. È in circolazione da secoli e consente ai giocatori di acquistare giochi da una fonte affidabile. Allo stesso modo, questo negozio ha un’interfaccia intuitiva con molte funzionalità per renderlo un bel hub con cui una comunità può connettersi. Tuttavia, negli ultimi due anni, c’è stato un concorrente piuttosto grande con cui Steam deve lavorare.

Epic Games ha aperto l’ Epic Games Store e all’inizio questo era un servizio che molto probabilmente è stato rapido a cancellare. Mentre Epic Games è noto per alcuni titoli di grande successo come far emergere il franchise di Gears of War e uno dei più grandi giochi di battle royale di tutti i tempi, Fortnite, sembrava un colpo lungo per l’azienda prendere una posizione contro il già affermato mercato Steam. Tuttavia, Epic Games era pronta a lanciare alcune importanti offerte di suddivisione in denaro e entrate per garantire che il loro servizio potesse sembrare più attraente.

Una delle prime grandi mosse fatte da Epic Games è stata offrire agli sviluppatori e agli editori una migliore quota di compartecipazione alle entrate. Steam ha attualmente una ripartizione delle entrate che fornisce il 33% delle entrate rispetto al 12% di Epic Games Store. Recentemente Microsoft ha fatto la stessa mossa e ha offerto anche il 12%, il che significava che i creatori di giochi potevano incassare molti più soldi usando qualcosa come Epic Games Store in esclusiva o semplicemente offrendo il loro gioco ai giocatori per l’acquisto.

Di recente, Wolfire Games, che ha pubblicato Overgrowth, aveva intentato una causa antitrust contro Valve. Il fondatore di questo studio, David Rosen, ha notato che Valve avrebbe rimosso il suo gioco dal mercato Steam se avesse offerto i suoi giochi a un prezzo scontato attraverso servizi concorrenti. Questo era qualcosa che David sperava di fare per ottenere più soldi per il gioco che ha creato. Ora c’è un grande dibattito online con gli sviluppatori che intervengono su ciò che Valve consentirà e non consentirà quando si tratta di studi. 

Ci sono dichiarazioni da entrambe le parti in questo momento e sarà sorprendente se Valve abbia un qualche tipo di monopolio. Detto questo, c’è una grande spinta affinché Valve corrisponda alla ripartizione delle entrate offerta sia da Epic Games che da Microsoft, che è del 12%. Per ora, è un gioco d’attesa per vedere cosa viene da tutto questo pasticcio legale.

Fonte: PC Gamer, Wolfire

Fonte di registrazione: gameranx.com

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More